Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

18 mar 2015

Non cercare pertanto di risolvere problemi in un mondo del quale è esclusa la soluzione.

Sat Nam divino essere! Pioggia di benedizioni!!

Dio è Amore ed è anche la felicità


Voglio ricordare che l'amore è la felicità e che nient'altro può farmi felice


Scelgo dunque di non avere nessun'altro sostituto per l'amore


Cerco solo quello che mi appartiene veramente.


L'amore come la felicità sono la mia eredità


Questi sono i doni che mio Padre mi ha dato


Accetto tutto quello che mi appartiene veramente.

Capitolo 27
La guarigione del sogno.
IV-La silenziosa risposta.
Audio. Pdf.

1. Nella quiete tutte le cose ricevono risposte e ogni problema rimane risolto serenamente.

Però in mezzo al conflitto non può esserci nessuna risposta, né può essere risolto niente, perché il suo proposito è assicurarsi che non possa avere nessuna soluzione e che non ci sia nessuna risposta semplice.

Nessun problema può essere risolto dentro al conflitto, perché sarà visto in una maniera differente.

E ciò che sarebbe una soluzione da un punto di vista, non lo è da un altro.

Tu sei in conflitto.

Pertanto è evidente che non puoi risolvere niente in assoluto, perché gli effetti del conflitto non sono parziali.

Nonostante se Dio ha dato già una soluzione, in alcun modo i tuoi problemi devono essere stati risolti, perché ciò che la Sua Volontà dispone si è già avverato.
2. Perciò il tempo non ha niente a che vedere con la soluzione di nessun problema, giacché qualsiasi di loro può essere risolto adesso.

Qui è anche, il perché nello stato mentale nel quale sei, nessuna soluzione è possibile.

Dio ha dovuto dare a te pertanto una maniera per raggiungere un altro stato Mentale nel quale si trova una soluzione.

Tale è l'istante santo.

Lì è dove devi portare e lasciare tutti i tuoi problemi.

Lì è dove gli corrisponde di essere, perché lì si trova la soluzione.

E se la sua soluzione si trova lì, il problema dev'essere semplice e facile da risolvere.

Non ha senso risolvere un problema dove è impossibile che si possa trovare la soluzione.

Però è ugualmente sicuro che sarà risolto, se è portato dove si trova la soluzione.
3. Non cercare di risolvere nessun problema eccetto che nella sicurezza dell'istante santo.

Perché lì il problema ha una soluzione e rimane risolto.

Fuori di esso non ci sarà soluzione, perché fuori di esso non può essere trovata nessuna risposta.

Non c'è luogo fuori da esso dove possa essere fatta neanche una sola domanda semplice.

Il mondo può soltanto fare domande che hanno due parti.

Una domanda con molte risposte non può avere risposte.

Nessuna di loro sarebbe valida.

Il mondo non fa domande con l'intenzione che siano risposte ma soltanto per reiterare il suo proprio punto di vista.
4.Tutte le domande che sono fatte in questo mondo non sono in realtà domande ma soltanto una maniera di vedere le cose,

Nessuna domanda che sia fatta con odio può avere una risposta, perché di per se è una risposta.

Una domanda che è composta da due parti, domanda e risponde contemporaneamente, entrambe le cose danno testimonianza della stessa cosa anche in forme differenti.

Il mondo fa soltanto una domanda ed è questa:

Di tutte le illusioni quale è la verità?

Quali possono dare pace e gioia?

Quali possono aiutarti a scappare da ogni dolore del quale questo mondo è composto?

Indipendentemente dalla forma che possa adottare la domanda, il suo proposito sarà sempre lo stesso:

domanda soltanto per stabilire che il peccato è reale e le risposte che ti offrono hanno bisogno che tu possa esprimere le tue preferenze.

Quale peccato preferisci?

Questo è quello che devi scegliere.

Gli altri due non sono la verità.

Cosa vuoi che ti possa dare il corpo che tu desideri sopra tutte le cose?

Esso è il tuo servitore e anche il tuo amico.

Digli semplicemente ciò che vuoi e ti servirà amorevolmente e diligentemente.

Questo non è una domanda, perché ti dice ciò che vuoi e dove devi andare per trovarlo.

Non permette in questo modo che le sue credenze possano mettersi in discussione.

L'unica cosa che fa è esporre ciò che afferma in forma di domande.
5. Una pseudo domanda non ha risposta, perché da la risposta allo stesso tempo che fa la domanda.

Ogni domanda che viene fatta nel mondo pertanto è una forma di pubblicità in favore di esso stesso.

Nella stessa maniera in cui i testimoni del corpo sono i suoi propri sensi, nella stessa maniera le risposte alle domande che il mondo fa sono implicite nelle domande.

Quando le risposte sono la stessa cosa delle domande, non apportano niente di nuovo, né si impara niente da loro.

Una domanda onesta è un mezzo di apprendimento che chiede qualcosa che tu non sai.

Non stabilisce i parametri ai quali dev'essere aggiustata la risposta, ma che semplicemente domanda qual è stata la risposta.

Pero nessuno che si trova in uno stato conflittivo è libero di fare questo tipo di domanda, perché non desidera una risposta onesta che metta fine al proprio conflitto.
6. Soltanto dentro l'istante santo può essere sollevata una domanda onesta.

E dal significato della domanda uscirà tutto il significato che possa avere la risposta.

È possibile allora separare i tuoi desideri dalla risposta, perché questa ti possa essere data e anche perché la possa accettare.

La risposta è offerta dappertutto.

Però soltanto può essere ascoltata nell'istante santo.

Una risposta onesta non esige sacrifici, perché soltanto risponde a domande vere.

Le domande che fa il mondo vogliono soltanto sapere a chi dev'essere chiesto il sacrificio e non se il sacrificio ha senso o no.

E così a meno che la risposta dica a "chi” non sarà ascoltata né riconosciuta e in questo modo la domanda continuerà vigente, giacché ha risposto a se stessa.

L'stante santo è quello nel quale la mente è sufficientemente serena come per ascoltare una risposta che non è implicita nella domanda, che offre qualcosa di nuovo e distinto.

Come potrebbe essere data risposta a una domanda che non fa che ripetere se stessa?
7. Non cercare pertanto di risolvere problemi in un mondo del quale è esclusa la soluzione.

Porta il problema nell'unico luogo nel quale si trova la risposta e nel quale ti saranno offerte amorevolmente.

In esso ci sono le risposte che risolveranno i tuoi problemi, perché non sono parte di loro e tengono in conto ciò a cui  può essere data risposta, ciò che la domanda in realtà è.

Le risposte che il mondo offre non fanno che suscitare altra domanda, perché lasciano la prima senza rispondere.

Nell'istante santo puoi portare le domande alla risposta e ricevere la risposta che è stata fatta precisamente per te.Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.