Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

01 feb 2015

L'ego è soltanto una idea e non un fatto. Parte 3.

Sat Nam!! Tanti benedizioni! Continuiamo con la terza parte del capitolo l'illusione dell'ego del corso di miracoli. 

L'ego è il nostro vero ostacolo. 

L'ego è tanto potente che prima ci fa sentire paura, dopo ci fa credere, vedere, sentire e pensare a cose che non sono reali, che non esistono ma che noi pensiamo che sono vere. Si vedono tanto reale!!

Niente di ciò che vediamo esiste. Non è niente né significa niente.

Ogni volta che sperimento paura respiro e guardo la situazione dall'alto. 

Da lì possiamo vedere tutto con chiarezza e troviamo la pace, con Dio e tutto scompare.

Cerco nella mia mente il perché necessito sperimentare questa situazione? Cerco di imparare quella lezione che devo imparare per salvarmi. 

Rimango nel mio interiore, in questo istante e da lì riconosco che tutto ciò che vedo è il mondo che io stessa ho creato è pertanto io stessa posso cancellarlo. Ti amo. Grazie.
Capitolo 4. 
L'illusione dell'ego. 
II-L'ego e la sua falsa autonomia. 

9. I miti e la magia sono intimamente relazionati, giacche i miti generalmente hanno a che vedere con l'origine dell'ego e con la magia, con i poteri che l'ego attribuisce a se stesso.

I sistemi mitologici includono in generale alcune descrizioni della "creazione” e la collegano con la sua maniera particolare di magia.

La chiamata “lotta per la sopravvivenza” non è più che la lotta dell'ego per prolungare la sua propria esistenza cosi come l'interpretazione che ha fatto rispetto al suo inizio. 

Questo inizio quasi sempre è associato alla nascita fisica, giacche risulta difficile di sostenere che l'ego esisteva prima di quel momento.

I più “religiosi” dei miti basati sull'ego dice che l'anima esisteva prima e che seguirà esistendo dopo un lasso temporale della vita dell'ego. 

Alcuni dicono anche che l'anima sarà punita nel corso di questo lasso. 

La salvazione nonostante ciò non può essere applicata allo spirito, perché esso non è in pericolo e pertanto non necessita di essere riscattato
10. La salvazione non è che avere una “mentalità sana”, che anche se non è la Mentalità-Uno dello Spirito Santo, dev'essere raggiunta prima che la Mentalità-Uno possa essere instaurata. 

La mentalità sana conduce automaticamente al seguente passo, giacché la percezione corretta è completamente esente da qualsiasi forma di attacco e pertanto la mentalità errata sparisce. 

L'ego non può sopravvivere senza fare giudizio perciò abbandona.

La mente ha una sola direzione dove avanzare.

La direzione che segue è sempre automatica, quindi non può che attaccare i dettame del sistema di pensiero a cui si aderisce. 
11. Non si può fare troppo enfasi nel fatto che correggere la percezione è semplicemente un espediente temporale. 

Questa correzione è necessaria unicamente perché la percezione falsa è uno ostacolo per la conoscenza, mentre che la percezione affidabile è un trampolino ad esso.

Il valore della percezione corretta è nella conclusione inevitabile che ogni percezione non è necessaria.

Questo elimina l'ostacolo per intero. 

Ti chiederai come puoi fare questo mentre continui a vivere in questo mondo. 

Questa è una domanda ragionevole.

Nonostante devi assicurarti che in realtà la capisci. 

Chi è il “tu” che vive in questo mondo? 

Lo spirito è immortale e l'immortalità è uno stato permanente.

Lo spirito è tanto vero adesso come sempre è stato e lo sarà per sempre, giacche non soffre di cambiamenti di nessuna spezie. 

Non è un continuo, ne può essere capito paragonandolo con il suo opposto. 

La conoscenza non ammette paragoni.

In questo è la sua differenza principale rispetto a qualsiasi altra cosa che la mente possa capire. Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè.  GoogleTutti post del corso di miracoli.

L'ego è soltanto una idea e non un fatto. Parte 1.
L'ego è soltanto una idea e non un fatto. Parte 2.