Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

01 set 2014

Stai continuamente cercando di mantenerti separato dalla mente di tuo fratello, ma non lo puoi fare. Parte 1.

Sat Nam bello essere divino! Tante benedizioni in questo giorno perfetto così come sei tu! 

Padre, il tuo cammino è quello che scelgo di seguire oggi. 

Lì dove mi porta, è dove ho scelto di andare. Ciò che Tu vuoi che io faccia è quello che ho scelto di fare. 

Il tuo modo è sicuro ed è garantito. Lì mi attende il tuo ricordo.

E tutti i miei dolori spariscono nel tuo abbraccio, tale è come l'hai promesso a tuo figlio che erroneamente ha pensato che si era allontanato dalla protezione sicura delle tue braccia amorevoli.
Oltre i Limiti del Corpo
Il sogno del nagual e il corpo energetico nell’esperienza di Carlos Castaneda
Capitolo 18
La fine del Sogno
VI- Oltre il corpo.
1. Non c'è niente all'esterno di te. Questo è ciò che finalmente devi imparare, perché è il riconoscimento che il regno dei Cieli ti è stato ristabilito. 

Perché questo è stata l'unica cosa che Dio ha creato ed Egli non lo ha abbandonato né è separato Se Stesso da esso.

Il regno dei Cieli è la dimora del Figlio di Dio, quello che non ha abbandonato suo Padre né dimora separato da Egli. Il Cielo non è un luogo, neanche una condizione.

È semplicemente la coscienza della perfetta unicità e il riconoscimento che non c'è niente più: niente al di fuori di questa unicità né niente dentro.
2. Quale altra cosa potrebbe dare Dio che il riconoscimento di Se Stesso? C'è qualcosa in più che possa essere dato? 

La credenza che puoi dare e ottenere un'altra cosa ”qualcosa di esterno a te” ti è costato la coscienza del Cielo e quella della tua identità. 

E hai fatto qualcosa della quale ancora non ti sei reso conto, perché non puoi fare niente per conto tuo.

Tu che credi di odiare il tuo corpo non fai che ingannare te stesso. Odi la tua mente perché la colpevolezza si è addentrato in essa e stai continuamente cercando di mantenerti separato dalla mente di tuo fratello, ma non lo puoi fare.
3. Le menti sono unite, invece i corpi no. Soltanto quando viene attribuito alla mente le proprietà del corpo sembra di essere possibile la separazione. 

Ed è la mente quella che sembra di essere qualcosa di privato ed essere frammentata e sola.

Proietta la sua colpevolezza, che è quello che la mantiene separata sopra il corpo, il quale soffre e muore, perché è attaccato con il fine di mantenere viva la separazione nella mente ed impedire che possa conoscere la sua Identità.

La mente non può attaccare ma può creare fantasie e comandare il corpo per materializzarli.
Però quello che il corpo fa non sembra mai di poter soddisfare la mente.

A meno che la mente creda che il corpo sta in realtà esteriorizzando le sue fantasie lo attaccherà proiettando ancora più colpevolezza su di esso.
4. In questo la mente è chiaramente ingannata. Non può attaccare ma sostiene che può farlo e per provarlo si avvale di ciò che fa per fare del male al corpo.

La mente non può attaccare ma può ingannare se stessa. E questo è tutto ciò che fa quando crede di aver attaccato il corpo.

Può proiettare la sua colpevolezza ma non può disfarsi di essa proiettandola

E anche se è ovvio che può percepire la funzione del corpo erroneamente, tuttavia non può cambiare la funzione che lo Spirito Santo ha dato a questo.

Il corpo non è frutto dell'amore. Tuttavia l'amore non lo condanna e può impiegarlo amorevolmente, rispettando quello che il Figlio di Dio ha creato e utilizzandolo per salvare il Figlio dalle Sue proprie illusioni.
5. Non ti piacerebbe che i mezzi della separazione fossero interpretati come i mezzi della salvezza e fossero uniti per i fini dell'amore? 

Daresti il benvenuto e il tuo appoggio a questo scambio di fantasie di vendetta per la tua liberazione di esse?

La percezione che hai del corpo può essere veramente malata, ma non devi proiettare questo su di esso. 

Perché il tuo desiderio di fare che ciò che non ha la capacità di distruggere sia distruttivo non può avere nessun effetto reale.

Ciò che Dio ha creato soltanto può essere come Egli vuole che sia, perché così dispone la Sua Volontà. Tu non puoi fare che la Sua Volontà sia distruttiva.

Puoi nonostante ciò forgiare fantasie nelle quali la tua volontà è in conflitto con la Sua, però questa è l'unica cosa che puoi fare.
6. È una follia usare il corpo come un capro espiatorio sul quale scaricare la tua colpevolezza, tentando di dirigere i tuoi attacchi e colpevolizzandolo dopo per quello che tu stesso hai voluto che facesse.

È impossibile esteriorizzare fantasie, perché queste continuano ad essere ciò che tu desideri e non hanno nulla a che vedere con ciò che il corpo fa.

Il corpo non sogna con queste fantasie e l'unica cosa che fanno è trasformarlo in un trascinamento invece di qualcosa di utile.

Perché le fantasie hanno fatto del tuo corpo il tuo “nemico”, lo hanno fatto diventare debole, vulnerabile e traditore, meritevole dell'odio che hai verso esso.

A cosa ti è servito questo? Ti sei identificato con questo che odi, con lo strumento di vendetta e l'apparente fonte della tua colpevolezza. 

Hai fatto questo a qualcosa che non ha significato, proclamando la dimora del Figlio di Dio e poi facendo girare questo contro di esso.
7. Questo è l'ospite del dio che tu hai creato. Né Dio né il Suo Santissimo Figlio possono essere ospiti in una dimora dove regna l'odio e dove tu hai piantato i semi della vendetta, la violenza e la morte.

Quella cosa che hai generato perché fosse al servizio della tua colpevolezza si interpone tra te e altre menti. Le menti sono unite ma tu non ti identifichi con loro.

Vedi te stesso chiuso in una cella separata, isolato e inaccessibile e tanto incapace di stabilire contatti con gli altri e nella stessa maniera che gli altri non possano avere contatto con te. 

Odi questa prigione che hai costruito e cerchi di distruggerla. Ma non vuoi scappare da essa né lasciarla integra e priva di qualsiasi colpa. Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.