07 gen 2016

Alcune rivelazioni del corso di Miracoli. Parte 2.

Sat Nam miei cari fratelli! Oggi continuiamo con il corso di miracoli. 

La mia intenzione è solo motivarti a che tu possa trovare la tua pace interiore, che tu possa aprire il canale che ti collega con la tua vera essenza. 

Essa ti aiuterà a Ricordare e ti mostrerà il camino del Perdono, prima a te stesso, dopo ai tuoi antenati e a tutti quelli che una volta hai pensato che ti hanno fatto del male.


Perché in realtà tutti siamo la stessa cosa, anche se ci hanno insegnato il contrario. Ti amo. Namastè!! 
Succo di Goji Prima Qualità 500ml – Puro al 100%
Nutriente ed energizzante, rinforza il sistema immunitario
Capitolo 1.
Il significato dei miracoli.
Principi dei Miracoli. 
II. La rivelazione, il tempo e i miracoli.

4- Nessuno viene al Padre se non che attraverso di me.

Non significa che io sia in qualche modo separato da te o che sono diverso, eccetto nel tempo e il tempo in realtà non esiste. 


L'affermazione ha più senso dal punto di vista di un'asse verticale che di uno orizzontale. 


Tu sei sotto di me e io sono sotto Dio.

Nel processo "dell'ascensione" Io sono più alto, perché senza di me la distanza tra Dio e l'uomo sarebbe stato troppo grande perché tu la potessi salvare. 

Io salvo quella distanza per essere il tuo fratello maggiore da un lato e dall'altro per essere un Figlio di Dio.

La devozione che professo per i miei fratelli è quella che mi ha messo a capo della filiazione, la quale completo perché io sono parte di esso. 

Forse questo sembra contraddire l'affermazione "Io e il Padre siamo una cosa sola", ma questa affermazione ha due parti in riconoscimento alla maggiore grandezza del Padre.

5- Le rivelazioni sono indirettamente ispirate da me a causa della mia vicinanza allo Spirito Santo, perché rimango attento a quando i miei fratelli saranno pronti a ricevere la rivelazione

In questo modo posso ottenere per loro più di quello che loro potevano ottenere per se stessi.

Lo Spirito Santo è il mediatore tra la comunicazione superiore e quella inferiore e mantieni aperto per la rivelazione il canale diretto di Dio per te. 

La rivelazione non è reciproca. 


Viene da Dio per te, ma non da te verso Dio. 


Il miracolo riduce al minimo la necessità del tempo.

Nel piano longitudinale o verticale, il riconoscimento dell'uguaglianza dei membri della filiazione sembra richiedere un tempo quasi infinito. 

Il miracolo, tuttavia, comporta un  improvviso cambiamento della percezione orizzontale verso la percezione verticale. 

Questo introduce un intervallo dove quello che dà e quello che riceve emergono più avanti nel tempo di quanto non sarebbe stato altrimenti.


Il miracolo ha l'unica proprietà di abolire il tempo man mano che non sarà già necessario l'intervallo di tempo che comprende.

Non esiste alcuna relazione tra il tempo in cui un miracolo verrà realizzato e il tempo coperto. 

Il miracolo sostituisce l'apprendimento che potrebbe aver presso migliaia di anni. 

Lo fa sotto l'implicito riconoscimento della perfetta uguaglianza tra quello che dà e quello che riceve, che è su cui poggia il miracolo. 

Il miracolo accorcia il tempo e produce il suo collasso, eliminando in tal modo determinati intervalli in esso. 


Questo viene fatto soltanto all'interno della sequenza temporale più ampia.
Spero che hai trovato questo post interessante. 

Tu sei un dono per me. Il Tuo cambiamento è anche quello mio.


Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.


Alcune rivelazioni del corso di Miracoli. Parte 1.

Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO