Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

31 gen 2015

L'ego è soltanto una idea e non un fatto. Parte 2.

Sat Nam miei fratelli dell'anima!! Tante benedizioni in questo giorno di luce.

L'unica maniera di essere in pace è riconoscendo che non sappiamo niente e affidando tutto il controllo della nostra vita allo Spirito Santo e consegnando tutto ciò che ci fa soffrire.

Non siamo in pace quando prendiamo una decisione sbagliata durante il giorno.

Quando non ci lasciamo guidare dalla volontà di Dio ci sentiamo in ansia, con stress, con senso di colpa, con paura ecc. 

Adesso non prendiamo nessuna decisione per conto nostro invece troviamo la pace vera lasciandoci guidare da Dio e riposiamo in comunione con il Suo Amore e nella felicità eterna.

Dio è il nome della nostra liberazione. Ti amo.
Neuro Quantistica - Libro
La nuova frontiera delle neuroscienze
Capitolo 4. 
L'illusione dell'ego. 
II-L'ego e la sua falsa autonomia. 

6. Soltanto quelli che hanno una sensazione reale e durevole dell'abbondanza possono essere veramente caritatevoli. 

Questo risulta ovvio quando capisci quello che in realtà vuol dire caritatevoli.

Per l'ego dare qualcosa significa privarsi di essa.

Quando associ l'atto di dare con il sacrificio dai soltanto perché credi che in alcuna maniera otterrai qualcosa migliore in cambio e puoi per tanto prescindere della cosa che dai. 


Dare per ottenere qualcosa” è sempre una legge ineludibile dell'ego, che sempre valuta se stesso in funzione di altri ego.


Pertanto stai sempre ossessionato con l'idea della carenza che è la credenza che ha dato origine a questo.

La sua percezione di altri ego come enti reali non è più che un tentativo di convincere se stesso che è reale.

“L'amore proprio” dal punto di vista dell'ego non significa altra cosa che, l'ego ha ingannato se stesso credendo che è reale e pertanto è temporaneamente meno inclinato a danneggiare.

“Questo amore proprio“ è sempre vulnerabile alla tensione, termine questo che si riferisce a qualsiasi cosa che è percepita come una minaccia alla sua esistenza.
7. L'ego vive letteralmente sempre paragonando. 

L'uguaglianza è qualcosa che è oltre ciò che l'ego può capire e pertanto è impossibile che sia caritatevoli. 

Ciò che l'ego da non viene mai da una sensazione di abbondanza, perché l'ego è stato creato precisamente come un sostituto di essa. 

Perciò nel suo sistema di pensiero è nato il concetto di “ottenere qualcosa”. 

I desideri sono i meccanismi per “ottenere qualcosa”, è rappresentano la necessità dell'ego di ratificare sé stesso. 

Questo è certo tanto nel caso dei desideri corporali come nelle necessità più elevate dell'ego.

L'origine dei desideri corporali non è fisico. 

L'ego considera che il corpo è la sua casa e cerca di soddisfare se stesso attraverso di esso. 

Però l'idea che esso è possibile è una decisione della mente che è completamente confusa rispetto quello che in realtà è possibile. 
8. L'ego crede che dev'essere autosufficiente per sé stesso e per tutto, e questo non è più che un'altra maniera di descrivere la sua credenza che ha creato a sé stesso.

E questo è uno stato di tanto timore che l'unico che può fare è dirigersi ad altri ego e trattare di unirsi in un debole tentativo di identificarsi con loro e di attaccarli come una dimostrazione ugualmente debole della sua forza.

Non è libero, nonostante ciò di mettere in giudizio la premessa che da luogo a tutto questo, perché essa premessa è la sua base. 

L'ego è la credenza della mente secondo la quale dev'essere autosufficiente per sé stessa. 

Gli incessanti sforzi dell'ego per vincere il riconoscimento dello spirito e ristabilire la sua propria esistenza, sono inutili. 

Lo spirito nella sua conoscenza non è cosciente dell'ego. Non lo attacca, semplicemente non lo può concepire in assoluto. 

Neanche l'ego si rende conto dello spirito, perché percepisce sé stesso come rifiutato da qualcosa che è più grande di sé stesso.

Perciò l'amore proprio, cosi come l'ego lo concepisce non può che essere un'illusione.

Le creazioni di Dio non creano miti, anche se lo sforzo creativo può permutare in mitologia.

Questo può succedere, sebbene soltanto a una condizione: quello che è fabbricato smette di essere creativo.

I miti appartengono esclusivamente all'ambito della percezione, le forme che adottano sono tanto ambigue e la sua naturalezza sta tanto marcata per la dicotomia tra il bene e il male che neanche il più benevolo di loro è esento di connotazioni terrifiche. Un corso di miracoli.

Grazie e benedizioni divino essere della luce!! Ogni giorno siamo più vicini alla nostra vera casa. Ogni giorno ci liberiamo e prendiamo coscienza della realtà di tutto ciò che vediamo.

La nostra vera casa come ho detto in altri post è quel stato di coscienza equilibrato e corretto dove arriveremmo tutti noi che siamo fratelli. Ti amo!! Namastè!! Hari Shabab Kaur. MI DISPIACE PERDONAMI GRAZIE TI AMO. Google Tutti i post del corso di miracoli

L'ego è soltanto una idea e non un fatto. Parte 1.
L'ego è soltanto una idea e non un fatto. Parte 3.