02 lug 2014

Far sentire colpevole l'altro è un attacco diretto anche se non sembra di esserlo. Parte 1.

Sat Nam bello essere divino! Tante benedizioni in questo giorno perfetto. Oggi ringraziamo tutto ciò che ci regala la vita!

Padre, oggi voglio liberare tutte le cose che vedo, voglio concedere a loro la libertà che cerco.  

In questa maniera obbedisco la legge dell'amore dando ciò che voglio trovare e ciò che voglio che sia mio. 

Questo mi sarà concesso perché l'ho scelto come il regalo che voglio dare.  Padre, i Tuoi regali sono miei. 

Ogni regalo che accetto mi concede un miracolo che poso dare e dandolo nella stessa maniera in cui voglio ricevere.

Grazie Padre perché i Tuoi miracoli di guarigione mi appartengono.

So che tu conosci le mie necessità e so che tu mi hai dato la Grazia per poter soddisfarle tutte. 

Ho fiducia in Te e so che Tu mi manderai i miracoli per benedire il mondo e guarire le nostre mente man mano ritorniamo a Egli. Grazie e ti amo. 
Il Potere delle Donne
Guida al successo per tutte le donne
Capitolo 15
L'istante santo
VII- Il sacrificio non necessario.

1. Oltre la debole attrazione che la relazione d'amore speciale esercita ed è nascosta sempre da essa, si trova la poderosa attrazione che esercita il Padre su Suo Figlio.

Nessun altro amore può soddisfarti, perché non c'è altro amore. Questo è l'unico amore che viene dato completamente e che è pienamente ricambiato.

Giacché gode di pienezza, non chiede nulla in cambio. Giacché è totalmente puro, tutti coloro che si uniscono a esso hanno tutto.

Questo non è così in nessuna relazione che stabilisce l'ego. Perché ogni relazione che l'ego stabilisce è sempre speciale.


2. L'ego stabilisce relazioni con l'unico proposito di ottenere qualcosa. E mantiene il donatore aggrappato a lui attraverso il senso di colpa.

Per l'ego è impossibile stabilire qualunque relazione senza rabbia, perché crede che la rabbia gli fa guadagnare amici.

Non è quello ciò che afferma, anche se questo è il suo proposito. Perché l'ego crede unicamente che può ottenere qualcosa e conservarla facendo che gli altri si sentano colpevoli.

Questa è l'unica attrazione che esercita, però è una attrazione tanto debole che non potrebbe sussistere se non fosse perché nessuno si rende conto di esso.

Perché l'ego fa sembrare sempre che c'è attrazione tramite l'amore e non esercita attrazione alcuna su quelli che percepiscono che esso attrae attraverso la colpevolezza.

3. La malata attrazione che esercita la colpevolezza deve essere riconosciuta come quella che è. Perché dovuto a che è diventata in qualcosa di reale per te, è essenziale che la esamini accuratamente e che impari ad abbandonarla smettendo di interessarti ad essa.

Nessuno abbandonerebbe ciò che considera di valore. Però l'attrazione della colpevolezza è qualcosa di valore per te dovuto unicamente a che non hai esaminato ciò che è e pertanto l'hai giudicato completamente come se tu fossi un cieco.

Man mano che la porti alla luce, la tua unica domanda sarà: come è possibile che non l'avesse mai potuto desiderare? 

Non hai nulla da perdere se la esamini accuratamente, perché a una mostruosità come questa non le corrisponde di essere nella tua santa mente.

Questo ospite di Dio non può che essere in realtà interessato in qualcosa del genere.

4. Abbiamo detto prima che il proposito dell'ego è conservare e incrementare la colpevolezza, ma in una maniera tale che tu non ti possa rendere conto di ciò che esso ti potrebbe provocare.

Perché la dottrina fondamentale dell'ego è che puoi scappare da quello che fai ad altri. L'ego non desidera il bene di nessuno.

Nonostante la sua sopravvivenza dipende dalla tua credenza che sei esente dalle tue cattive intenzioni.

Ti dice quindi che se permetti di essere il suo ospite, lui ti permetterà di proiettare la sua rabbia fuori e in questa maniera ti proteggerà.

E così si imbarca in una infinita e insoddisfatta catena di relazioni speciali nate dalla rabbia e dedicate esclusivamente a fomentare solo la credenza demente che quanta più rabbia scarichi fuori da te stesso, più in salvo ti troverai.

5. Questa è la catena che lega il Figlio di Dio alla colpevolezza ed è quella che lo Spirito Santo vuole eliminare nella tua santa mente.

Perché questa infame catena non deve continuare ad imprigionare quello che Dio Stesso ha scelto come il Suo ospite, chi non può far diventare se stesso un ospite dell'ego.

Nel nome della sua liberazione e nel nome di Quello che desidera liberarli, esaminiamo più accuratamente le relazioni che l'ego trama e permettiamo che lo Spirito Santo le giudichi veramente.

Perché è senza dubbio che se le esamini le offrirai piacevolmente a Egli. Ciò che Egli può fare da loro tu non lo sai, ma saresti disposto a scoprirlo se sei prima disposto a percepire ciò che tu hai fatto di loro.

6. In una maniera o in un'altra ogni relazione che l'ego stabilisce è basata nella idea che sacrificare se stesso fa diventare grande lui.

Il “sacrificio” che lui considera una purificazione, è infatti la radice del suo amaro risentimento. Perché preferirebbe attaccare subito e non ritardare più ciò che in realtà desidera fare.

Nonostante in vista che l'ego si relaziona con la “realtà” così come lui la vede, si rende conto che nessuno potrebbe interpretare un attacco diretto come un atto di amore

Ma far sentire colpevole l'altro è un attacco diretto anche se non sembra di esserlo.

Perché quelli che si sentono colpevoli aspettano di essere attaccati e avendo chiesto questo si sentono attirati dall'attacco.

7. In queste relazioni dementi l'attrazione di ciò che non desideri sembra di essere più grande che l'attrazione di ciò che desideri. Perché uno pensa che ha sacrificato qualcosa per l'altro e lo odia per questo.

Questo nonostante ciò, è quello che crede di volere. Non è innamorato dell'altro in assoluto. Semplicemente crede si essere innamorato del sacrificio.

E quindi il “sacrificio” che impone a se stesso esige che l'altro accetti la colpevolezza e che sacrifichi anche se stesso.

Il perdono si fa impossibile, perché l'ego crede che perdonare l'altro è perderlo. Nell'unica maniera in cui l'ego può assicurare la continuità della colpevolezza, che mantiene tutte le sue relazioni intatte è attaccando e negando il perdono.  Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.
Tè Bianco Cinese al Goji

Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO