Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

20 feb 2014

Nel corpo dell'altro vedrai l'uso che hai fatto del tuo. Parte 1.

Sat Nam!! Tante benedizioni e pioggia di amore. Che questo giorno sia una opportunità per amare, vedere nell'altro la tua divinità e la tua innocenza. Ti amo.

Tutto ciò che vediamo al di fuori di noi sono illusioni create dalla mente.

Ciò che vedo è un riflesso di un processo mentale che inizia con un'idea di ciò che desidero. 

Da questo punto, la mente fabbrica immagini di ciò che desidero, le giudica attribuendole valore e pertanto, cerca di trovarle. 

Queste immagini sono proiettate nel mondo esteriore, dove sono contemplate da me, considerandole come qualcosa di reale e qualcosa da difendere, perché credo che sono proprie di me stesso.

Da questi desideri dementi nasce un mondo demente e dai giudizi, un mondo condannato

Invece, dai pensieri di perdono nasce un mondo sereno e misericordioso, che offre una dolce casa dove riposare per un tempo, prima di proseguire la giornata e dove possiamo aiutare ai nostri fratelli a continuare avanti per trovare il cammino che ci conduce al cielo e a Dio. Ti amo

Padre nostro, le tue idee riflettano la verità. mentre le mie separate dalle tue danno luogo ai sogni. Lasciami contemplare ciò che le Tue riflettano, perché sono solo loro quelle che stabiliscono la verità.
Un corso di miracoli. 
Capitolo 8. 
Il viaggio di ritorno. 
VII Il corpo come un mezzo di comunicazione. 
Audio mp3.

1. Gli attacchi sono sempre fisici. Quando si infiltra nella tua mente qualsiasi forma di attacco è perché stai equiparandoti con il corpo, giacché questa è l'interpretazione che l'ego fa di esso. 

Non devi attaccare per ottenere quello che vuoi. Se non credessi questo, l'idea dell'attacco non sarebbe interessante per te. Ogni volta che ti equipari con il corpo sperimenti depressione.

Quando un Figlio di Dio pensa così di se stesso sta sminuendo se stesso e sta facendo la stessa cosa con i suoi fratelli, giacché può solo trovare se stesso in loro, sta pertanto negando se stesso alla salvazione.
2. Ricorda che per lo Spirito Santo il corpo è unicamente un mezzo di comunicazione. Dovuto a che è il nesso di comunicazione tra Dio e i Suoi Figli separati, lo Spirito Santo interpreta tutto ciò che hai fatto alla luce di ciò che Egli è.

L'ego separa attraverso il corpo. Lo Spirito Santo arriva ad altri attraverso di esso. Non percepisce i tuoi fratelli tale e come lo Spirito Santo lo fa, perché non crede che i corpi siano unicamente mezzi per unire le menti e per unirgli con la tua e con la mia.

Questa interpretazione del corpo ti farà cambiare di parere rispetto al valore di esso. Il corpo in se stesso, non ha nessun valore.
3. Se usi il corpo per attaccare, questo diventerà qualcosa di dannoso per te.

Se lo usi con l'unico scopo di arrivare alle menti di quelli che credono di essere un corpo, per insegnargli attraverso dello stesso corpo che quello non è la verità, capirai il potere della mente che risiede in te.

Se usi il corpo con questo scopo, e solo con questo scopo, non lo potrai usarlo per attaccare. Quando si usa con lo scopo di unire, diventa una bellissima lezione di comunione, che ha valore illimitato. 

Lo Spirito Santo non vede il corpo come lo vedi tu, perché sa che l'unica realtà di qualsiasi cosa è il servizio che da a Dio, in favore della funzione che Egli assegna.
4. La comunicazione mette fine alla separazione. L'attacco la promuove. Il corpo è brutto o bello, violento o gentile, dannoso o utile, dipende dall'uso che si faccia di esso. 

Nel corpo dell'altro vedrai l'uso che hai fatto del tuo. Se il tuo corpo diventa un mezzo che metti a disposizione dello Spirito Santo, perché lo usi nel nome dell'unione della Filiazione, non vedrai il fisico, eccetto come ciò che è.

Usalo per la verità e lo vedrai correttamente. Usalo incorrettamente e lo interpreterai male, e ciò che hai fatto usandolo incorrettamente. 

Interpreta qualsiasi cosa senza lo Spirito Santo e dubiterai di esso. Questo ti condurrà all'odio e all'attacco e ti farà perdere la pace.
5. Ogni perdita, nonostante ciò, procede di falsi concetti che hai, perché è impossibile perdere, sia quale sia la maniera in cui si manifesta la perdita.

 Però quando vedi un fratello come una entità fisica”perdi” il suo potere e la sua gloria come le tue. 

Hai attaccato lui, ma devi aver attaccato prima te stesso. Per la tua salvazione, che ha da offrire a lui la sua, non lo guardare così.

Non lasciare che lui sottovaluti se stesso nella tua mente, ma liberalo della sua credenza che è insignificante e così libererai te stesso della tua. Come parte di te lui è santo. 

Come parte di me lo sei anche tu. Stabilire comunicazione con qualsiasi parte di Dio è andare oltre il Regno, fino al suo Creatore, grazie alla Sua Voce, la quale Egli ha stabilito come parte di te.
6. Rallegrati, quindi, che non puoi fare nulla per te stesso, perché non sei di te stesso. La Volontà di quello di che tu sei parte, ha stabilito per te potere e gloria.

Con loro puoi ottenere perfettamente ciò che la Sua Santa Volontà ha disposto per te, una volta che tu la accetti.

Egli non ha privato te dei Suoi doni, ma tu credi che hai tolto a Egli. Per amore del Suo nome, non lasci che nessun Figlio di Dio rimanga nascosto, perché il Suo Nome è il tuo.
7. La bibbia dice: “ Il verbo (o pensiero) si è fatto carne. Strettamente parlando questo è impossibile perché sembra di implicare che un ordine della realtà è diventato un'altro.

I distinti ordini di realtà, allo stesso che i distinti gradi di difficoltà dei miracoli, danno l'impressione di esistere.

Il pensiero non può diventare carne eccetto attraverso una credenza, giacché il pensiero non è qualcosa di fisico. Il pensiero, nonostante è comunicazione, per questo che può essere usato il corpo. 

Questo è l'unico uso naturale che può essere fatto di esso. Usarlo in forma innaturale è perdere di vista il proposito dello Spirito Santo e confondersi rispetto all'obiettivo del Suo piano di studio.
8. Non c'è nulla più frustrante per un alunno che un piano di studio che non possa imparare. Quando accade questo, la sua sensazione di essere competente si risente e non può che essere depresso. 

Affrontare una situazione di apprendimento impossibile è la cosa più deprimente. Il piano di studio dello Spirito Santo non è mai deprimente, perché è un piano di studio che produce gioia.

Ogni volta che reagisci con depressione davanti all'apprendimento è perché hai perso di vista il vero obiettivo del piano di studio.
9. In questo mondo neanche il corpo è percepito come qualcosa di integro. Si considera che il suo proposito è diviso in tante funzioni che non hanno nessuna relazione tra di loro o molto poche, in modo che sembra di stare condizionato per il caos. 

Guidato dall'ego, lo è. Guidato dallo Spirito Santo, no. In quest'ultima istanza diventa un mezzo attraverso il quale la parte della mente che tenta di separarsi dallo Spirito Santo può trascendere le sue proprie distorsioni e ritornare a lui.

Il tempio dell'ego diventa così il tempio dello Spirito Santo, nel quale la devozione per Egli rimpiazzerà la devozione che hai per l'ego.

In questo senso il corpo diventa certamente il tempio di Dio, la Sua Voce risiede nel suo interiore guidando l'uso che si fa di esso.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. Google