04 ago 2015

Se scegli lo spirito, il Cielo stesso si inchinerà fino a toccarti gli occhi e benedire la tua santa vista. Parte 1.

Sat Nam bello essere!

Il tuo desiderio di cambiare la realtà pertanto è l'unica cosa che è temibile, perché al desiderare che la realtà possa cambiare credi che il tuo desiderio è diventato realtà.

In un certo senso questa strana prospettiva da testimonianza del tuo potere. 

Però quando lo distorci e lo utilizzi in favore del “male” stai facendo anche che sia qualcosa di irreale per te.
Capitolo 31.
La visione finale.
VI-Il riconoscimento dello spirito.
1. O vedi la carne o riconosci lo spirito.

In questo non c'è via di mezzo.

Se uno di loro è reale, l'altro è destinato ad essere falso, perché ciò che è reale nega il suo opposto.

La visione non fornisce alcuna altra opzione oltre questa.

Qualunque cosa deciderai su di esso determinerà tutto ciò che vedi e che credi che è reale così come tutto ciò che consideri che è vero.

Da questa scelta dipende tutto il tuo mondo, perché attraverso di essa stabilisci nel tuo proprio sistema di credenze ciò che sei: carne o spirito.

Se scegli di essere carne non potrai sfuggire dal corpo nel vederlo come la tua propria realtà, perché la tua decisione rifletterà che è quello ciò che vuoi.

Ma se scegli lo spirito, il Cielo stesso si inchinerà fino a toccarti gli occhi e benedire la tua santa vista col fine di non vedere mai più il mondo della carne, eccetto per guarire, dare conforto e benedire.
2. La salvezza è un disfare.

Se scegli di vedere il corpo, vedrai un mondo di separazione, di cose non collegate e di eventi che non hanno senso.

Appare qualcuno e poi scompare con la morte; un altro è destinato alla sofferenza e alla perdita.

E nessuno è esattamente come è stato un momento prima, né sarà lo stesso un momento dopo.

Quale fiducia si può avere lì dove è percepito tanto cambiamento?

Quale valore può avere quello che non è altro che polvere?

La salvezza è il processo che annulla tutto questo.

Perché la costanza è ciò che vedono quelli i cui occhi hanno la salvezza che gli ha liberati dal dover contemplare il costo che suppone mantenere il senso di colpa, perché invece di questo hanno scelto di abbandonarla.
3. La salvezza non ti chiede di contemplare lo spirito e di non percepire il corpo.

Semplicemente ti chiede che questa sia la tua scelta.

Perché puoi vedere il corpo senza aiuto, ma non sai come contemplare un altro mondo fuori di esso.

Il tuo mondo è ciò che la salvezza dovrà disfare, permettendoti di vedere un altro che i tuoi occhi non avrebbero mai potuto trovare.

Come sarà raggiunto questo non è qualcosa di cui ti devi preoccupare.

Tu non capisci come è arrivato di fronte a te ciò che vedi, perché se lo capissi, scomparirebbero.

Il velo dell'ignoranza è eseguito anche sul bene e anche sul male, e devono essere passati perché entrambe le cose possano sparire, in modo che la percezione non possa trovare posto dove nascondersi. 

Come si può fare questo?

Non si può fare in assoluto.

Cosa potrebbe rimanere ancora da fare nell'universo che Dio ha creato?

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.

Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO