Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

28 feb 2014

Sei tu quello che determina il valore di ciò che ricevi. Parte 2.

Sat Nam!! Tante benedizioni e pioggia di amore. Che questo giorno sia una opportunità per amare, vedere nell'altro la tua divinità e la tua innocenza. 

Sembra difficile vedere il mondo innocente e tutti noi come fratelli, ma se in realtà vogliamo che le nostre preghiere ricevano risposte dobbiamo amare e ascoltare ogni essere per poter ricevere attraverso loro le risposte dello Spirito Santo.


Non significa che ameremo tutti così veramente all'improvviso. Questo può essere così in certi casi come dice il corso di miracoli, ma in realtà è un processo che si svolge giorno dopo giorno dopo una decisione di farlo. 



Ogni giorno che leggiamo una lezione del corso, impariamo cose nuove, o meglio dire: ricordiamo le cose che già sapevamo, e man mano le mettiamo in pratica nasce in noi la vera pace e il vero amore. Ti amo.
Crema alla Vitamina C
"Il conflitto deve essere risolto, se si vuole scappare da esso. Non deve evadersi, ignorarsi, negarsi, coprirsi, vedersi in un'altra parte, chiamarsi con altro nome, nasconderlo attraverso qualsiasi tipo di inganni.

Deve vedersi esattamente come è, lì dove si crede che è, e deve vedersi anche la realtà che le è stata data e il proposito che le ha assegnato la mente. Quindi, solo allora saranno smantellate le sue difese e la verità potrà farà vedere la sua luce sopra di esso"

Spirito Santo che sei nella mia mente grazie per la tua guida, aiutami a vedere questo conflitto in un modo diverso, insegnami a perdonare e a riconoscere che il perdono mette fine al sogno del conflitto. 

Aiutami a vedere la realtà selle cose e riempimi dalla tua luce, per vedere como spariscono il conflitto e il dubbio. Io ho fiducia in te. Grazie ti amo.
Capitolo 9.
La accettazione dell'Espiazione.
II. La risposta alla preghiera. Continuazione.
Scaricare audio mp3. Scaricare pdf

7. Nella stessa maniera che Dio, io ti voglio per la ragione della verità che dimora in te. Forse i tuoi inganni, ingannano te, però non me. Giacché so ciò che sei, non posso dubitare di te. 

Ascolto solo lo Spirito Santo in te, Chi mi parla attraverso te. Se mi vuoi ascoltare, ascolta i miei fratelli, la cui voce che parla per Dio si esprime.

La risposta a tutte le tue preghiere risiede in loro. Riceverai la risposta in misura in cui la ascolti da tutti i tuoi fratelli.

Non ascoltare niente di più, quindi al contrario non starai ascoltando correttamente.
8. Credi nei tuoi fratelli perché io credo in te e imparerai che è giustificato che io creda in te.

Credi in me credendo in loro, in virtù di ciò che Dio gli ha dato. 

Ti risponderanno se impari a chiedergli solamente la verità. Non chiedere benedizioni senza benedirli, perché solo in questa maniera puoi imparare quanto benedetto sei.

Quando segui questo cammino stari cercando la verità in te. Questo non è andare oltre te stesso, ma fino a te stesso. Ascolta unicamente la Risposta di Dio nei suoi Figli e ti sarà risposto.
9. Non credere non è stare in contro o attaccare. Credere è accettare e mettersi anche dalla parte di quello che accetti. 

Credere non è essere credulone, ma accettare e apprezzare. 

Non puoi apprezzare ciò in cui non credi, né sentirti grato di qualcosa a cui non attribuisci valore.

Quando si giudica si deve pagare un prezzo perché giudicare è fissare un prezzo. Il presso che fissi è ciò che pagherai.
10. Se pagare si confronta con ottenere, fisserai il prezzo basso, ma esigerai un alto rendimento.

Avrai dimenticato che fissare un prezzo è valutare, in modo tale che il rendimento che ricevi è direttamente proporzionale al valore che hai attribuito.

Da un'altra parte, se pagare si associa con dare, non puoi percepirlo come una perdita e la relazione reciproca tra il dare e il ricevere si riconosce.

In questo caso si fissa un prezzo alto dovuto al valore del rendimento. 

Per ottenere si deve pagare un prezzo, si perdi di vista ciò che ha valore ed è inevitabile che non apprezzi ciò che ricevi.

Quando attribuisci poco valore, non lo apprezzerai né lo desidererai.
11.  Non dimenticare mai, quindi, che sei tu quello che determina il valore di ciò che ricevi e quello che fissi il prezzo, di accordo con ciò che dai.
Credere che è possibile ottenere molto a cambio di poco è credere che puoi contrattare con Dio.

Le leggi di Dio sono sempre giuste e perfettamente consistenti. Quando dai ricevi. Però ricevere è accettare, non tentare di ottenere qualcosa.

È' impossibile non avere, ma è possibile che non sai che hai.

Essere disposto a dare è riconoscere che hai e solo quando sei disposto a dare puoi riconoscere ciò che hai. 

Ciò che dai, quindi, è equivalente al valore che hai assegnato a ciò che hai, all'essere la misura esatta del valore che gli hai aggiudicato. E' questo è allo stesso tempo la misura di ciò che desideri.
12. Quindi, puoi solo chiedere qualcosa allo Spirito Santo dandogli qualcosa e solo puoi dargli qualcosa lì dove lo riconosci.

Se riconosci lo Spirito Santo in tutti, immagina quanto gli starai chiedendo e quanto avrai da ricevere.

Egli non ti negherà nulla perché tu non avrai negato nulla a Egli e in questa maniera potrai condividere tutto.

Questa è la maniera e l'unica di disporre della Sua Risposta perché la Sua Risposta è l'unica cosa che puoi chiedere e l'unico che puoi desiderare.

Dillo a tutto il mondo:

Giacché la mia Volontà è conoscere me stesso, ti vedo come il Figlio di Dio e come il mio fratello.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. Google