Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

12 ago 2015

Non puoi concedere a te stesso la tua innocenza, perché tu sei troppo confuso su chi sei. Parte 4.

Sat Nam bello essere! 

Nessuno che riposa sul vero perdono può soffrire, perché già non nasconde la prova del peccato dalla sua propria vista.

Il perdono non può essere dato a uno e all'altro no.

La persona che ha perdonato è già guarita.

Ed è nella sua guarigione la prova che ha perdonato veramente e che non conserva nessuna traccia di condonazione, che ancora potrebbe utilizzare contro se stesso o contro qualsiasi cosa che vive.
Capitolo 31.
La visione finale.
VII-La visione del Salvatore

8. Guarda il ruolo che vi è stato affidato nell'universo!

Il Signore dell'Amore e della Vita ha dato ad ogni aspetto della vera creazione il compito di salvare tutti dalla afflizione dell'inferno.

E ad ognuno Egli ha concesso la grazia di essere il Salvatore dei santi fratelli che particolarmente li sono affidati.

E questo è ciò che lui impara quando vede per prima un altro tale como vede se stesso e tale come contempla il proprio riflesso in esso.

Così è come viene lasciato da parte il concetto che ha di se stesso, perché nulla si frappone tra la sua visione e ciò che contempla per giudicare ciò che vede.

E in questa unica visione lui vede il volto di Cristo e si rende conto che contempla tutti così come contempla questo fratello.

Perché adesso c'è luce dove c'era il buio e il velo che copriva la sua vista è stato tolto.
9. Il velo che copre il volto di Cristo, il timore di Dio e alla salvezza e l'amore alla colpevolezza e la morte non sono che nomi diversi per lo stesso errore: c'è uno spazio tra te e tuo fratello che vi mantiene da parte a causa di una illusione di te stesso che tiene a lui lontano da te e a te lontano da lui.

La spada del giudizio è l'arma che consegni a questa illusione di te stesso, in modo da poter combattere e impedire che l'amore possa riempire lo spazio che mantiene tuo fratello separato da te.

Mentre impugnerai quella spada, tuttavia, non potrai che percepire te stesso come un corpo, perché avrai condannato te stesso ad essere separato di quello che tiene lo specchio che riflette un'altra immagine di quello che lui è, e quindi di ciò che tu non puoi che esserlo anche.

Non puoi concedere a te stesso la tua innocenza, perché tu sei troppo confuso su chi sei. Parte 1.
Non puoi concedere a te stesso la tua innocenza, perché tu sei troppo confuso su chi sei. Parte 2.
Non puoi concedere a te stesso la tua innocenza, perché tu sei troppo confuso su chi sei. Parte 3.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.