Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

14 lug 2015

Solo quelli che accusano se stessi possono condannare. Parte 1.

Sat Nam bello essere! 

Se è a te stesso a cui crocifiggi allora non hai fatto nulla al mondo e non devi temere la vendetta, né la sua persecuzione.

Non è neanche necessario nasconderti pieno di terrore dalla paura mortale a Dio che la proiezione nasconde dietro sé.

Ciò che ti dà più paura è la salvezza.

Tu sei forte e la forza è quello che desideri.

Sei libero e gioisci in esso.

Hai cercato di essere debole e di essere prigioniero, perché avevi paura della tua forza e della tua libertà.

Tuttavia la tua salvezza risiede in loro.
Capitolo 31. 
La visione finale.
III-Quelli che accusano se stessi.
1. Solo quelli che si accusano possono condannare.

Prima di prendere una decisione dalla quale avrai diversi risultati, devi imparare qualcosa e impararla bene.

Quello deve essere la risposta tipica per tutto quello che fai fino ad essere un'abitudine, in modo che possa essere la tua prima reazione ad ogni tentazione o evento che si possa verificare.

Impara questo e impara bene, perché con questo il ritardo nello sperimentare la felicità è accorciato per un periodo di tempo che non puoi nemmeno concepire: Non odi mai tuo fratello per i suoi peccati, ma unicamente per quelli tuoi.

Qualunque sia la forma che i suoi peccati sembrano di adottare, tutto ciò che fanno è annebbiare il fatto che credi che sono i tuoi propri peccati e di conseguenza l'attacco è "giustamente" meritato.
2. Perché dovrebbero essere i suoi peccati, a meno che credessi che quei stessi peccati non potrebbero essere perdonati a te?

Come sarebbe possibile che i suoi peccati possano essere reali, a meno che non hai creduto che costituiscono la tua realtà?

E perché li attacchi ovunque, se non perché odi te stesso?

Sei forse tu un peccato?

Rispondi riaffermante ogni volta che attacchi, perché attraverso l'attacco stai affermando che sei colpevole e devi infliggere agli altri quello che tu stesso meriti.

Cosa puoi meritare se non quello che sei?

Se non avessi creduto che meriti l'attacco, non attaccheresti nessuno.

Perché dovresti farlo? Cosa ottieni con esso?

E come potresti trarre beneficio dall'omicidio?
3. I peccati sono percepiti nel corpo, non nella mente.

Essi non sono visti come propositi ma come azioni.

I corpi agiscono, la mente no.

Pertanto il corpo deve prendere la colpa per quello che esso stesso fa.

Esso non è visto come qualcosa di passivo che semplicemente è sottomesso ai tuoi ordini senza fare nulla da solo.

Se tu sei un peccato non puoi che essere un corpo, perché la mente non agisce.

E il proposito deve essere nel corpo e non nella mente.

Il corpo dovrebbe agire in modo indipendente e motivare se stesso.

Se sei un peccato stai imprigionando la mente all'interno del corpo e stai attribuendo il proposito di questa alla sua prigione, che agisce quindi al suo posto.

Un carceriere non obbedisce agli ordini, se non che è proprio lui quello che dà gli ordini al prigioniero.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.