28 apr 2015

Ti sei liberato dal dolore e dalla malattia così come da tutti gli effetti dell'odio e dell'attacco. Parte 1.

Sat Nam bello essere!

Dio ama tutti con pari amore attraverso il quale siamo stati creati, ci sorride e ci offre la felicità che abbiamo dato.

Oggi non metteremo in discussione il Suo amore per noi, né metteremo in discussione la Sua protezione o la Sua cura. 

Nessuna assurda ansietà può venire a interporsi tra la nostra fede e la nostra consapevolezza della Sua presenza. 

Oggi siamo uno con Egli in riconoscimento e ricordo. 

Lo sentiamo nei nostri cuori. 

I suoi pensieri sono nelle nostre menti e i nostri occhi vedono la Sua bellezza in ogni cosa che Contempliamo

Oggi vediamo solo ciò che è amore e ciò che è degno di amore.
Capitolo 29.                                                       
Il risveglio.
II-L'arrivo dell'ospite.
1. Come non potresti percepire la liberazione della sofferenza rendendoti conto che sei già libero?

Perché non dovresti proclamare la verità invece di considerarla un nemico?

Per quale ragione ti sembra difficile, ruvido, troppo complicato seguire un percorso che è facile e che è stato tanto chiaramente sottolineato che è impossibile perdersi?

Non sarà forse che consideri che questo è il cammino verso l'inferno, invece di considerarlo semplicemente una maniera di trovarti nel Cielo e in Dio che non esige né sacrifici né perdite?

Mentre non ti renderai conto che non stai rinunciando a niente e che è impossibile perdere, ci sararanno momenti in cui ti pentirai di aver scelto questo cammino.

E non vedrai i molti benefici che la tua decisione ti ha dato.

Nonostante anche se tu non li vedi che sono lì.

La loro causa li ha prodotti già e gli effetti devono essere lì dove la sua causa ha fatto atto di presenza.
2. Hai accettato la causa della guarigione.

Pertanto sei guarito.

Nel fatto di essere guarito devi anche possedere adesso il potere di guarire.

Il miracolo non è un incidente isolato che accade all'improvviso come se fosse un effetto senza causa,

Non è neanche in se stesso una causa.

Però lì dove è la sua causa, lì deve esserci il miracolo.

Adesso è stato causato anche se ancora non è percepito.

E i suoi effetti sono lì anche se non si vedono.

Guarda dentro te adesso e non vedrai motivo alcuno per essere pentito ma troverai ragioni per sentire gioia e per avere speranze di pace.
3. Ogni sforzo di trovare speranza di pace in un campo di battaglia è stato invano.

È stato futile chiedere a ciò che è stato concepito precisamente perché potesse perpetuare il peccato e il dolore, di aiutarti a scappare da loro.

Perché il dolore e il peccato sono la stessa illusione, tale come l'odio e la paura e l'attacco e la colpevolezza sono uno.

Lì dove non hanno causa i loro effetti spariscono e l'amore arriva ovunque loro non ci saranno.

Perché non sei contento?

Ti sei liberato dal dolore e dalla malattia, dalla sofferenza e dalla perdita, così come da tutti gli effetti dell'odio e dell'attacco.

Il dolore non è già tuo amico né la colpevolezza il tuo dio.

Pertanto dai il benvenuto agli effetti dell'amore.
4. Il tuo ospite è arrivato. 

Tu lo hai invitato ed Egli è venuto.

Non lo hai sentito entrare perché il benvenuto che gli hai dato non è stato totale.

I suoi doni nonostante sono arrivati insieme a Egli.

Egli li ha depositati ai tuoi piedi e adesso ti chiede di contemplarli e considerarli tuoi.

Egli ha bisogno di dare i Suoi doni a tutti quelli che camminano per conto proprio credendo di essere soli e separati.

Loro guariranno nel momento che tu accetterai i tuoi doni, perché il tuo Ospite darà il benvenuto a tutti quelli i cui piedi avranno toccato la terra santa che tu stai calpestando e dove Egli ha messo I Suoi doni a loro disposizione. Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.

Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO