02 ago 2014

Il punto zero è l'accettazione totale e l'apertura alla vita. Parte 4.

Sat Nam miei cari fratelli!! Pioggia di benedizioni!! 
Continuiamo con il post del video: Punto zero un salto verso l'istanteE' un video realizzato da Yanina Solis. 

Qui lascio l'audio mp3 di questa parte 4 del video-Punto zero un salto verso l'istante-4.

Nell'accettazione è quando posso creare un vuoto dove se c'è qualcosa fuori del campo quantico quello possa venire a me.
Frullato e Mangiato - Libro
Succhi, Zuppe, Dolci e Merende Crudiste per tutti... in 10 minuti
Pero questo sarà possibile sempre e quando io decida di accettare di vivere pienamente la mia vita e smetta di avere paura di essa. Questo è l'unica cosa di cui necessito per ritornare. La vita è intensità.
Nella prima parte del viaggio ci siamo proposti di rifiutare quell'intensità. Allora la nostra personalità ci serviva da bottiglia, perché quando le onde battono questo ci aiuta a capire quel senso di separazione.

Il dolore non è che la conseguenza della mia credenza che sono separato del tutto e quando dico dolore non mi riferisco soltanto alla tristezza o a quelle emozioni che abbiamo etichettato di cattive, ma anche a quelle buone.
Perché incluso quando siamo felici sentiamo nel più profondo di noi quel dolore che quella felicità non sarà per sempre.

Perché la definizione di felicità per noi non è costante, invece è quella che sta tra due onde cattive. 

Quando siamo felici abbiamo paura di quella onda che verrà a toglierci la felicità. Allora non c'è pienezza.

La separazione crea inevitabilmente dolore, compresso quando io credo che sono felice. E questo è semplicemente perché io sto costantemente cercando la felicità.

Allora nella prima parte dello sdoppiamento veniamo ad esperimentare quel dolore che si produce quando questo oceano che è pura intensità batte contro la nostra personalità.
Quella personalità, quel virtuale che non è altra cosa che la credenza che ciò che sta accadendo nella mia vita dovrebbe essere differente.

Perciò abbiamo etichettato le onde e abbiamo fatto della nostra vita una costante lotta contro ciò che sta accadendo.

Questo non potrebbe funzionare se io non avesse l'illusione che posso controllare le onde. Però quella illusione non è vera.

Non possiamo controllare l'oceano, anche se abbiamo l'illusione che possiamo farlo. Ci aggrappiamo a questo soltanto perché questa esperienza di separazione abbia senso e da cui si possa trarre beneficio.
Senza quella illusione non potrebbe essere possibile l'esperienza.

Nel cammino di ritorno comprendo che sono venuto in un autobus, che non l'ho guidato mai e che l'unica cosa che dovevo fare era vedere il paesaggio e dare informazione.

E inizio a lasciare andare quello che io ho creduto che era il volante della mia vita. Inizio a fluire.
Allora tornando allo esempio dell'oceano: ogni volta che l'oceano batteva la mia bottiglia, nella mia personalità sorgeva quel dolore che mi ricordava la mia scelta di separazione.

La mia scelta di credere che questo non dovrebbe accadere. Allora adesso nel cammino di ritorno utilizzeremo quella intensità senza classificarla. La utilizzeremo per ritornare. Per vedere dove non sto accettando e dove non sto fluendo. 

Grazie bellissimo essere! Pioggia di benedizioni e ci vediamo al prossimo post. Namastè!! Ti amo.

Il punto zero è l'accettazione totale e l'apertura alla vita. Parte 5.

Il punto zero è l'accettazione totale e l'apertura alla vita. Parte 4.

Il punto zero è l'accettazione totale e l'apertura alla vita. Parte 3.

Il punto zero è l'accettazione totale e l'apertura alla vita. Parte 2

Il punto zero è l'accettazione totale e l'apertura alla vita.

Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO