23 set 2014

Puoi vivere per mostrare che la morte non è reale.

Sat Nam bello essere divino! Tante benedizioni in questo giorno perfetto così come sei tu! 

Padre ti ringrazio per giorno di oggi e per la libertà che sono sicuro che mi offrirà. 


Oggi è un giorno santo, perché oggi il tuo Figlio sarà redento. 


La sua sofferenza è già finita. 


Perché lui sentirà la Tua voce esortandolo a chiedere la visione di Cristo attraverso il perdono e liberarsi da ogni sofferenza per sempre. 


Grazie per questo giorno, mio Padre. 


Sono venuto in questo mondo solo per arrivare ad avere questo giorno, così come la gioia e la libertà che dai a Tuo Figlio santo e il mondo che ha costruito, il quale oggi si libera insieme a lui. Amen.

Erbe Spontanee in Tavola - Libro
Per una cucina selvatica con ricette sane, naturali e locali
Capitolo 19.
La consecuzione della pace.
IV-Gli ostacoli alla pace. 
Il primo ostacolo. A-1- L'attrazione della colpevolezza.

10. L'attrazione della colpevolezza ti fa avere paura dell'amore, perché l'amore non fa attenzione alla colpevolezza in assoluto.

La natura dell'amore è contemplare soltanto la verità, dove vede se stessa e diventa una sola cosa con essa, in una santa unione e nella complessione.

Nella stessa maniera in cui l'amore non può che guardare oltre la paura, nella stessa maniera la paura non può vedere l'amore.

Perché nell'amore c'è la fine della colpevolezza, tanto inequivocabilmente come che la paura dipende da essa.

L'amore si sente soltanto attratto dall'amore. Ignorando completamente la colpevolezza, l'amore non vede la paura.

L'amore per essere completamente sprovvisto di attacco è impossibile che si possa temere.

La paura si sente attratta da ciò che l'amore non vede e entrambi credono che ciò che l'altro vede non esiste. 

E ognuno di loro invia i suoi messaggeri, che ritornano con i messaggi scritti nello stesso linguaggio che è stato utilizzato per inviarlo.
11. L'amore invia i suoi messaggeri teneramente e questi ritornano con i messaggi di amore e di tenerezza.

Ai messaggeri della paura è dato l'ordine con asprezza di andare in cerca della colpevolezza, di fare tesoro di qualsiasi pezzo del male o di peccato che loro possano trovare senza che possa sfuggire nessuno dal dolore della morte e dopo consegnare al suo signore e padrone rispettosamente.

La percezione non può obbedire a due padroni che chiedono differenti messaggi in un linguaggio diverso.

L'amore ignora quello con cui la paura sarebbe soddisfatta. Ciò che la paura esige, l'amore non può neanche vederlo.

L'intensa attrazione che la colpevolezza sente dalla paura è completamente assente dalla tenera percezione dell'amore. 

Ciò che l'amore contempla non significa niente per la paura ed è completamente invisibile.
12. Le relazioni che sono stabilite in questo mondo sono il risultato della maniera in cui si vede il mondo.

E questo dipende dall'emozione con cui ha chiesto di inviare i messaggeri perché loro la contemplassero e ritornassero portando le notizie di ciò che hanno visto.

I messaggeri della paura imparano attraverso il terrore e tremano quando il suo padrone li chiama a servirlo. Perché la paura non ha compassione, neanche con i suoi amici.

I suoi messaggeri saccheggiano colpevolmente tutto quanto possono nella sua disperata ricerca della colpevolezza, perché il suo padrone li lascia affamati e allo scoperto, motivando in loro la crudeltà e permettendogli di soddisfarsi unicamente con ciò che portano.

Né la minima traccia di colpevolezza può scappare dagli occhi affamati. E nella sua spietata ricerca di peccati si avventano su qualsiasi cosa vivente che vedono e gridando la portano al suo padrone perché lui lo possa divorare.
13. Non inviare al mondo quei messaggeri crudeli per essere divorato e innescato nella realtà. Perché ti porteranno notizie di carne, pelle e ossa.

E' stato insegnato a loro soltanto a cercare il corruttibile e ritornare con le guance piene di cose marce e rovinate.

Per loro queste cose sono belle, perché sembrano di mitigare le crudele morse della fame. 

Perché il dolore della paura li fa diventare frenetici e per evitare la punizione di quello che gli manda offrono ciò che hanno in grande stima.
14. Lo Spirito Santo ti ha dato i messaggeri dell'amore, perché lo invii invece di inviare quelli che hai addestrato attraverso il terrore.

Sono tanto ansiosi di ridare a te ciò che hanno in grande stima, nella stessa maniera in cui gli altri lo sono. Se invii questo messaggio di amore, vedranno soltanto il bello e il puro, il tenero e l'amorevole. 

Avranno la stessa cura per impedire che vada via qualsiasi atto di carità, nessuna piccola espressione di perdono né nessun soffio di amore.

E ritorneranno con tutte le cose belle che si trovano per condividerle amorevolmente con te. Non avere paura di loro. Ti offrono la salvezza.

I suoi messaggi sono messaggi di sicurezza, perché vedono il mondo come un posto di amore.
15. Se invii unicamente i messaggeri che lo Spirito Santo ti ha dato, senza desiderare altri messaggi che quelli Suoi, non vedrai mai più la paura.

Il mondo rimarrà trasformato davanti ai tuoi occhi, libero da ogni colpevolezza e colorato da un soave tocco di bellezza. 

Non c'è paura nel mondo che tu stesso non hai seminato. Né nessuna che tu possa continuare a vedere dopo aver chiesto ai messaggeri dell'amore di farlo svanire.

Lo spirito Santo ti ha dato i Suoi messaggeri per inviarlo a tuo fratello e perché loro possano ritornare a te con ciò che l'amore vede.

Ti sono stati dati per rimpiazzare quei cani affamati della paura che mandavi nel suo posto. E vanno avanti per far vedere che è arrivata la fine della paura.
16. L'amore vuole anche dare a te una festa e mettere sopra un tavolo coperto con una tovaglia maculata in un placido giardino dove soltanto si sente un cantico angelico e un soave e felice mormorio.

In questo c'è un banchetto in onore alla tua relazione santa, in cui ognuno è un ospite d'onore

E in un istante santo tutti insieme benedicono la tavola in comunione e unendoci fraternamente a questo. 

Io mi unirò a voi tale e come l'ho promesso molto tempo fa e come ancora lo continuo a promettere.

Perché nella vostra nuova relazione state accogliendo me. E lì dove mi danno il benvenuto ci sono io.
17. Ti è stato dato il benvenuto in uno stato di grazia e per questa ragione ho dovuto morire al posto tuo. Per l'ego il peccato significa morte e così l'espiazione si raggiunge attraverso l'assassinato.

È considerato che la salvezza è un mezzo attraverso il quale il Figlio di Dio è stato assassinato al tuo posto. 

Però potrei per caso offrire a te, a chi voglio, il mio corpo, sapendo l'insignificante che è? O al contrario ti insegnerei che i corpi non ci possono separare? 

Il mio corpo non è stato di più valore che il tuo, né è stato un migliore strumento per comunicare ciò che è la salvezza, sebbene non la Sua fonte.

Nessuno può morire per un altro e la morte non può espiare i peccati. Pero puoi vivere per mostrare che la morte non è reale.

Il corpo certamente sembrerà di essere il simbolo del peccato mentre tu continuerai a credere che può darti ciò che tu desideri. 

E mentre crederai che esso può darti piacere, crederai anche che può causarti dolore.

Pensare che potresti essere contento e soddisfatto con tanto poco è ferire te stesso ed è limitare la tua felicità, dalla quale potresti godere già invece di ricorrere al dolore per riempire le tue scarse riserve, cercando di far diventare la tua vita più piena.

Questo è complessione tale e come l'ego lo capisce. Perché la colpevolezza si infiltra furtivamente lì dove è stata spostata la felicità e la sostituisce

La comunione è un'altra maniera di complessione, che si estende oltre la colpevolezza perché si estende oltre il corpo. Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.

Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO