23 ott 2014

Non hai il bisogno di soffrire per imparare. Parte 1.

Sat Nam bello essere divino! Tante benedizioni e tanto amore a te che sei parte di me! 

Oggi chiedo riposo e un silenzio che le apparenze del mondo non possano disturbare.

Chiedo la pace e la tranquillità in mezzo a tutto il trambusto nato dai sogni contrastanti.

Chiedo la sicurezza e la felicità anche se sembra che ciò che vedo è solo pericolo e disgrazia.

Dispongo del pensiero che risponderà a tutto ciò che ho chiesto.
Ho-Oponopono Occidentale - Libro
Percependo la perfezione miglioro la realtà - SCUSA, GRAZIE, TI AMO Un viaggio senza destinazione
Capitolo 21.
La ragione e la percezione.
I-La canzone dimenticata.
1. Non dimenticare mai che il mondo che “vedono”i ciechi dev'essere immaginario, perché per loro è sconosciuto il vero aspetto del mondo. 

Devono dedurre ciò che possono, basandosi in dati che sono sempre indiretti e riformulano le loro deduzioni man mano inciampano e cadono, dovuto a ciò che non hanno riconosciuto prima o altrimenti passare senza soffrire danni alcuni attraverso porte aperte che loro credevano che fossero chiuse.

E la stessa cosa accade con te. Tu non vedi. 

Le indicazioni nella quale ti bassi per arrivare alle tue conclusioni sono sbagliate ed è per questo che inciampi e cadi sopra le pietre che non hai visto prima, senza renderti conto che puoi attraversare le porte, che anche se credevi che erano chiuse, si trovano aperte per gli occhi che non vedono, aspettando per darti il benvenuto.
2. Che pazzesco è cercare di giudicare ciò che semplicemente potrebbe essere visto!

Non è necessario immaginare l'apparenza che dovrebbe avere il mondo.

Prima che tu lo possa riconoscere come ciò che è devi vederlo.

È possibile farti vedere quale porte sono aperte, perché così tu possa vedere dove sta la sicurezza, e sapere quale strada conduce alle tenebre e quale alla luce. 

I giudizi ti daranno sempre le indicazioni false ma la visione ti dice dove andare.

Allora, perché tentare di indovinare?
3. Non hai il bisogno di soffrire per imparare.

Le lezioni benevolenti si assimilano con gioia e si ricordano felicemente.

Tu desideri imparare ciò che ti fa felice e non dimenticare mai più questo. 

Non è questo ciò che neghi.

Ciò che ti domandi è se i mezzi attraverso i quali si impara questo corso ti conducono alla felicità che promette o no.

Se credessi che è Si, non avresti difficoltà alcuna per imparare questo corso. 

Ancora non sei uno studente felice, perché ancora non sei sicuro che la visione possa darti di più di quello che i giudizi ti offrono e hai imparato che non puoi avere entrambe le cose.
4. I ciechi si abituano e si adattano al loro mondo. Credono di sapere come svolgersi in esso. 

Hanno imparato a farlo, però non attraverso le lezioni gioiose ma attraverso la dura necessità imposta dalle limitazioni che credono di non poter superare.

E come ancora continuano a credere a questo, hanno in grande stima quelle lezioni e si aggrappano a loro perché non possono vedere.

Non capiscono che sono le lezioni in se stesse quelle che li mantengono ciechi.

Questo non lo credono. 

E così conservano il mondo che hanno imparato a “vedere” nella loro immaginazione, credendo che possono solo scegliere tra questo o niente.

Odiano il mondo che hanno imparato a conoscere attraverso il dolore. E tutto ciò che credono che abita in esso serve per ricordare a loro che sono incompleti e che sono stati privati ingiustamente di qualcosa.
5. Pertanto definiscono la loro vita e dove abitano e si adattano a essa tale è come credono che devono farlo, timorosi di perdere il poco che hanno.

E la stessa cosa accade con tutti quelli che considerano che l'unica cosa che hanno loro così come i loro fratelli hanno è il corpo

Tentano di comunicare tra di loro e falliscono una e un'altra volta.

E si adattano alla solitudine, perché credono che conservare il corpo è proteggere il poco che hanno. 

Poni attenzione e vedi se puoi ricordare ciò di cui parleremo adesso. Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.
PranaCiok - Cioccolato Crudo al Goji - 48 gr.
100% Criollo del Perù - Bio - Vegano - Dolcificato con sciroppo d'Agave

Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO