14 ott 2014

Le menti non hanno bisogno di un corpo per comunicare tra loro.

Sat Nam bello essere divino! Tante benedizioni in questo giorno perfetto! Adesso respiriamo e sentiamo la pace di Dio. In essa pace infinita, eterna siamo uno con tutto ciò che ci circonda.

In essa pace infinita ascoltiamo la Voce di Dio, i suoi messaggi, le Sue parole. E in questo istante santo siamo a casa! Ti amo! Namastè!

La risposta di Dio è una forma di pace. Ogni dolore guarisce.

Ogni dolore è sostituito dalla gioia. Le porte della prigione si aprono. E si capisce che ogni peccato è solo un semplice errore. 

Padre, oggi perdono il mondo e lascio che la creazione sia Tua. 

Tutto ciò che avevo capito era sbagliato. Ma non sono riuscito a far diventare i santi figli di Dio peccatori. 

Ciò che Tu hai creato senza peccato deve rimanere così per sempre. Questa è la nostra condizione. 

Sono felice che gli errori che ho fatto non hanno un effetto reale su di me. 

Il peccato è impossibile e in questo il perdono poggia su una base molto più solida che il mondo delle ombre che vedo.

Aiutami a perdonare, perché voglio essere redento. Aiutami a perdonare perché voglio essere in pace.
Visonuovo - Libro con DVD
Videocorso di Ginnastica Facciale.
Capitolo 20
La visione della santità.
V- Gli araldi dell'eternità.
1. Nel mondo il Figlio di Dio si avvicina completamente a se stesso soltanto in una relazione santa. Lì inizia a trovare la fiducia che Suo Padre ha in lui. 

E lì trova la sua funzione che è quella di restituire le leggi di Suo Padre a ciò che opera sotto di loro e di trovare ciò che aveva perso.

Solo nel tempo può perdersi qualcosa ma mai per sempre. Così le parti separate del Figlio di Dio si uniscono piano piano nel tempo e in ogni unione il finale si avvicina ogni volta di più.

Ogni miracolo di unione è un poderoso araldo dell'eternità. Nessuno che ha un proposito unificato e sicuro può sentire paura. 

Nessuno che condivide con lui quello stesso proposito può smettere di essere Uno con lui.
2. Ogni araldo dell'eternità annuncia la fine del peccato e della paura. 

Ognuno di loro parla nel tempo di ciò che si trova oltre di esso. 

Due voci che si alzano insieme chiamano il cuore di tutti perché possano sentire un unico battito. 

E in quel battito si proclama l'unità dell'amore e si dà il benvenuto.

Ciò che dai a tuo fratello è per il bene di tutti e tutti gioiscono grazie al tuo regalo. 

Non dimenticare Quello che ti ha dato i regali che dai e senza dimenticarti di Egli ricorda Quello che ti ha dato i regali perché Egli li dessi a te.
3. É impossibile sottovalutare tuo fratello. 

Soltanto l'ego fa questo, però questo vuole solo dire che desidera l'altro per se stesso e pertanto lo valuta troppo poco.

Ciò che gode di incalcolabile valore ovviamente non può essere valutato. 

Sei cosciente della paura che si genera quando tenti di giudicare ciò che è tanto oltre il tuo giudizio che non lo puoi neanche vedere?

Non giudicare ciò che è invisibile per te o altrimenti non lo potrai vedere mai. 

Quindi aspetta pazientemente il suo arrivo, ti sarà concesso il potere di vedere il valore di tuo fratello quando l'unica cosa che desideri sia la pace. 

E ciò che desideri per lui sarà ciò che riceverai.
4. Come potresti stimare il valore di quello che ti offre la pace? 

Quale altra cosa potresti desiderare eccetto ciò che lui ti offre?

Il suo valore è stato stabilito da Suo Padre e tu diventerai cosciente di esso quando riceverai il regalo che tuo Padre ti fa attraverso lui.

Ciò che è in lui brillerà con tale folgore nella tua grata visione, che semplicemente lo amerai e ti riempirai di gioia.

Non avere la tentazione di giudicarlo, perché chi può vedere la faccia di Cristo e tuttavia insistere nel giudicare ciò che non ha senso?

Perché quella insistenza è propria di quelli che non vedono.  

Puoi scegliere di vedere o di giudicare, ma non puoi scegliere entrambe le cose.
5. Il corpo di tuo fratello ha tanta poca utilità per te come per lui. 

Quando si usa unicamente di accordo con gli insegnamenti dello Spirito Santo non ha funzione alcuna.

Perché le menti non hanno bisogno di un corpo per comunicare tra loro.

La visione che vede il corpo non è utile nel proposito della relazione santa. 

E mentre continui a vedere tuo fratello come un corpo, i mezzi e la fine non saranno in armonia.

Perché sono necessari tanti istanti santi per raggiungere una relazione santa, quando solo con uno basterebbe?

Non c'è né che soltanto uno. Il piccolo alito dell'eternità che attraversa il tempo come una luce dorata è soltanto uno, non è stato niente prima né niente dopo.
6. Vedi ogni istante santo come un punto differente nel tempo. 

Però è sempre lo stesso istante. 

Tutto ciò che non è stato mai e non sarà mai in lui si trova adesso.

Il passato non toglie niente e il futuro non aggiunge niente di più. 

Nell'istante santo allora si trova tutto. In esso si trova la bellezza della tua relazione, con i mezzi e la fine perfettamente armonizzate adesso.

In esso ti è stato offerto già la perfetta fede che un giorno avrai da offrire a tuo fratello. 

In esso ti è stato concesso già il perdono illimitato che concederai a lui e in lui è visibile già la faccia di Cristo che un giorno avrai da contemplare.
7. Come potresti calcolare il valore di quello che ti offre tale regalo? 

Cambieresti questo regalo per un altro?

Quel regalo restituisce le leggi di Dio nuovamente nella tua memoria. 

E soltanto ricordandolo dimentichi le altre leggi che ti mantenevano prigioniero dal dolore e dalla morte.

Non è questo un regalo che il corpo di tuo fratello può darti. 

Il velo che nasconde il regalo lo nasconde anche di lui. Lui è il regalo, tuttavia lui non lo sa. 

Tu non lo sai neanche.

Però abbi fede che Quello che vede il regalo in te e in tuo fratello, lo offrirà e lo riceverà per voi due.

E attraverso la Sua Visione lo vedrai e attraverso la Sua comprensione lo riconoscerai e lo amerai come tuo proprio.
8. Consolati e senti come lo Spirito Santo si prende cura di te con amore e con perfetta fiducia in ciò che vede. 

Egli conosce il Figlio di Dio e condivide la certezza di suo Padre che l'universo riposa in salvo e in pace nelle Sue tenere mani.

Consideriamo adesso ciò che ha da imparare al fine di poter condividere la fiducia che Suo padre ha in lui.

Chi è lui perché il Creatore dell'universo lo metta nelle sue mani, sapendo che nelle Sue mani è in salvo?

Lui non vede se stesso tale e come il Suo Padre lo conosce. Sebbene è impossibile che Dio possa sbagliare rispetto a dove deposita la Sua fiducia.  Un corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli. 


Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO