Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

16 apr 2015

Non permettere che tuo fratello possa essere malato. Parte 2.

Sat Nam bello essere! Pioggia di benedizioni!

Il perdono ti offre tutto quello che desideri.

Oggi ti sarà concesso tutto quello che vuoi.

Non perdere di vista i tuoi doni per tutta la giornata, quando tornerai nuovamente ad affrontare un mondo in continuo cambiamento e di squallide apparenze.

Mantieni i tuoi doni chiaramente nella tua coscienza, man mano vedrai l'immutabile in  mezzo al cambiamento e la luce della verità dietro ogni apparenza.

Capitolo 28.                                                                                       
Il disfacimento della paura.
III-L'accordo di unirsi.                              


5. La causa del dolore è la separazione, non il corpo il quale è soltanto un effetto.

Sebbene la separazione non è che uno spazio vuoto che non contiene niente, né fa niente e che è tanto banale come la scia che le navi lasciano tra le onde con il loro passaggio.

Quello spazio vuoto si riempie rapidamente nella stessa maniera che l'acqua si avvicina a chiudere la scia man mano che le onde si uniscono.

Dove è la scia che c'era tra le onde una volta che queste sono unite e hanno riempito lo spazio che per un attimo sembrava di separarle?

Dove è la base della malattia una volta che le menti sono unite per chiudere il piccolo spazio che c'era tra di loro e nel quale i semi della malattia sembravano di germogliare?
6. Dio ha messo un ponte però soltanto nello spazio che il miracolo ha lasciato libero e chiarito.

Però Egli non può estendere un ponte sui semi della malattia e la vergogna della colpevolezza, perché non può distruggere una'altra volontà che Egli non ha creato.

Lascia che gli effetti di questa spariscano e non ti aggrappare a loro disperatamente cercando di conservarli.

I miracoli li farà da parte facendo posto per Quello la Cui Volontà è venire a estendere un ponte perché Suo Figlio possa ritornare a Egli.
7. Considera allora i miracoli di argento e i sogni dorati della felicità come gli unici tesori che vuoi conservare dentro il magazzino del mondo.

La porta è aperta, non perché possano entrare i ladri ma perché possano entrare i tuoi fratelli affamati, quelli che hanno confuso la brillantezza di una piccola pietra con l'oro e hanno conservato un po' di neve scintillante credendo che era argento.

Sebbene da questa parte della porta aperta non hanno niente.

Cosa è il mondo se non un piccolo spazio che sembra strappare l'eternità e frammentarla in giorni, mesi e anni?

E cosa siete voi che vivete nel mondo se non una immagine frammentata del Figlio di Dio, dove ognuno dei frammenti è nascosto dentro un pezzo di argilla separato e insicuro?
8. Non avere paura Figlio mio, piuttosto lascia che i miracoli possano illuminare dolcemente il tuo mondo.

E lì dove il piccolo spazio sembrava di interporsi tra te e tuo fratello unisciti a lui.

E in questa maniera sarà evidente che la malattia non ha causa.

Il sogno della guarigione sta nel perdono, che dolcemente ti dimostra che non hai peccato mai.

Il miracolo non lascerà nessuna traccia di colpevolezza che possa portare a te i testimoni di ciò che non è stato mai.

E preparerà nel tuo magazzino un luogo di accoglienza per tuo Padre e per il tuo Essere.

La porta è aperta per tutti quelli che non vogliono continuare ad avere fame e quelli che desiderano godere della festa dell'abbondanza che è stata preparata per loro lì, possano entrare.

E questi si riuniranno con i loro ospiti a chi il miracolo ha invitato a venire a te.
9. Questa grande festa è molto differente da quella che sei abituato a dare nel sogno del mondo.

Perché qui quanto più riceverà ognuno degli ospiti più avrà per essere condiviso con tutti gli altri.

Gli ospiti hanno portato con sé approvvigionamenti illimitati.

E a nessuno è privato niente né nessuno può privare a l'altro di niente.

Qui è la grande festa che il Padre estende di fronte a suo Figlio e che condivide con lui equamente.

E in questo condividere non può esserci uno spazio nel quale l'abbondanza possa sminuire.

Qui gli anni delle carenze non si presentano mai, giacché il tempo non è parte di questa grande festa, perché è eterno.

L'Amore ha schierato la tavola nello spazio che sembrava mantenere i tuoi ospiti lontano da teUn corso di miracoli.

Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.