Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

09 mar 2015

Stai attento alla tentazione di percepire te stesso come se ti stessero trattando ingiustamente.


Sat Nam bello essere! Pioggia di benedizioni!

Questa è la luce nella quale non è possibile vedere opposti e dove la visione dopo essere stata guarita, ha il potere di guarire

Questa è la luce che estende la tua pace interiore verso le altre menti per condividerla e rallegrasi che tutte loro sono una cosa sola con te e con se stesse

Questa è la luce che guarisce, perché crea una unica percezione, sulla base di un singolo fotogramma di riferimento da cui viene un unico significato.
Capitolo 26
La transizione.
X-La fine delle ingiustizie.

1. Cosa è allora ancora ciò che dev'essere disfatto perché tu possa renderti conto della Sua presenza?

Soltanto questo: la distinzione che ancora fai rispetto a quando è giustificato attaccare e quando è ingiusto e non può essere permesso.

Quando percepisci un attacco come ingiusto credi che reagire con ira sia giustificato.

E così vedi ciò che è la stessa cosa come se fosse differente.

La conclusione non è parziale. Se si presenta è totale.

La sua presenza nella forma che sia nasconderà la Presenza di Loro, perché Loro soltanto possono essere conosciuti chiaramente o non essere conosciuti affatto.

Una percezione confusa ostacola la conoscenza.

E non è cosa di quanto grande è la confusione o di quanto interferisce.

La Sua chiara presenza impedisce quella di Loro e li mantiene fuori dove non possono essere conosciuti.

2. Cosa può significare il fatto che percepisci alcune forme di attacco come se fossero ingiustizie contro te?

Significa che devono essere altre che tu consideri che sono giuste.

Perché in un'altra maniera come potrebbero essere giudicate come ingiuste?

Pertanto ad alcune di loro è stato attribuito un significato e sono state percepite come sensate.

E soltanto le altre sono considerate insensate

E questo nega il fatto che tutte loro sono senza senso, che sono sprovviste nella stessa maniera di causa o di conseguenze e che non possono avere effetti di nessun tipo.

La Sua Presenza è appannata con qualsiasi velo che si interponga tra la Sua radiosa innocenza e la tua coscienza, che quella innocenza è proprio quella tua e che appartiene ugualmente a ogni cosa vivente insieme a te.

Dio non mette i limiti.

E ciò che ha limiti non può essere il Cielo. Pertanto dev'essere l'inferno.

3. La ingiustizia e l'attacco sono lo stesso errore e sono tanto strettamente vincolati che dove è percepito uno, l'altro è anche visto.

Tu non puoi essere trattato ingiustamente.

La credenza che puoi esserlo è un'altra maniera dell'idea che è l'altro e non tu quello che ti sta privando di qualcosa.

La proiezione della causa del sacrificio è la radice di tutto ciò che percepisci come ingiusto e non come quello che meriti.

Sebbene sei tu quello che esige questo a te stesso, commettendo così una profonda ingiustizia contro il Figlio di Dio.

Tu sei il tuo unico nemico, sei in verità nemico del Figlio di Dio, perché non riconosci che lui è la stessa cosa che sei tu.

Cosa potrebbe essere più ingiusto che privarlo di ciò che è, negare a lui il diritto di essere se stesso e chiedergli di sacrificare l'Amore di Suo Padre e il tuo, per essere quello che non gli corrisponde di essere?
4. Stai attento alla tentazione di percepire te stesso come se ti stessero trattando ingiustamente.

Da questo punto di vista stai cercando di trovare l'innocenza unicamente in te e non in loro, a scapito della colpevolezza dell'altro.

Puoi forse comprare l'innocenza scaricando la tua colpevolezza sull'altro?

E non è forse l'innocenza quella che stai cercando di trovare quando lo starai attaccando?

Non sarà la rappresaglia verso il tuo proprio attacco contro il Figlio di Dio ciò che stai cercando?

Non ti fa sentire più sicuro credere che sei innocente rispetto a esso e che sei stato una vittima nonostante ciò la tua innocenza?

Non importa come stai giocando il gioco della colpevolezza, qualcuno deve sempre perdere.

E qualcuno deve sempre perdere la sua innocenza, perché l'altro possa appropriarsi di essa e farla diventare sua.

5. Credi che tuo fratello è ingiusto con te, perché credi che uno di voi dev'essere giusto, perché l'altro possa essere innocente.

E in questo gioco percepisci l'unico proposito che hai dato alla tua relazione.

Ed è questo ciò che vuoi aggiungere al proposito che è stato già assegnato.

Il proposito dello Spirito Santo è che la Presenza dei tuoi santi invitati possa essere conosciuta da te.

E a questo proposito non può essere aggiunto niente, perché il mondo non ha altro proposito che questo.

Aggiungere o togliere qualcosa a quella unica finalità è privare il mondo ed è privare te stesso da ogni proposito e ogni ingiustizia che il mondo sembra di commettere contro te, tu stesso l'hai commesso contro il mondo nel privarlo del suo proposito e della sua funzione che lo Spirito Santo vede in esso.

E in questa maniera stai negando la giustizia a ogni cosa vivente sulla faccia delle terra.
6. Non puoi neanche immaginare gli effetti che questa ingiustizia ha su di te che giudichi ingiustamente e che vedi tale e come hai giudicato.

Il mondo diventa triste e minacciante e non puoi percepire neanche l'ombra della felice scintilla che la salvezza dà per illuminare il tuo cammino.

E così vedi te stesso privato della luce, abbandonato nella tenebre e ingiustamente tolto il possesso da ogni proposito in un mondo futile.

Il mondo è giusto perché lo Spirito Santo ha portato la ingiustizia di fronte alla luce interna e lì ogni ingiustizia è rimasta risolta e rimpiazzata con giustizia e amore.

Se percepisci ingiustizie in qualsiasi parte, di a te stesso:

Con questo sto negando la Presenza del Padre e quella del Figlio.Però invece preferisco conoscere Loro che vedere ingiustizie, le quali svaniscono di fronte alla luce della Sua Presenza.

Un corso di miracoli.
Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.