Visualizza questo blog in altra lingua.

Se il tuo cuore lo sente,dona un po della tua abbondanza...TI AMO

13 gen 2014

Ogni istante, la tua mente sta creando il tuo futuro. Parte 1.

Sat Nam miei cari fratelli!! Tante benedizioni in questo giorno meraviglioso. 

Continuiamo con il corso di miracoli. Ti amo. Namastè.


Oggi non permetto che la tristezza possa essere in me. 


Perché in questo caso, non starò assumendo il mio ruolo che è così essenziale nel piano di Dio e per la mia visione. 


La tristezza è un segno che preferisco disimpegnare un altro ruolo invece di quello che Dio ha dato a me. 


Adesso accetto la mia totale felicità. Ti amo.

Bracciale in Rame Onda
Un corso di miracoli.
Capitolo 5.
La guarigione e la pienezza.
V. L'uso che l'ego fa della colpa.

1. Forse alcuni dei nostri concetti diventano più chiari e significativi per te se ti viene spiegato l'uso che l'ego fa della colpa. 

L'ego ha uno scopo nella stessa maniera che lo Spirito Santo.

Lo scopo dell'ego è quello di intimare alla paura, perché solo quelli che hanno paura possono essere egoisti. 

La logica dell'ego è così impeccabile come quella dello Spirito Santo, perché la tua mente dispone dei mezzi per far parte del Cielo o della terra, secondo le tue scelte.

Ma ancora una volta, ricorda che entrambi sono dentro di te.
2. Nel cielo non c'è alcun senso di colpa, perché il Regno può essere raggiunto attraverso l'Espiazione e questa ti libera in modo che ti sarà possibile creare. 

La parola "creare" è appropriata in questo contesto, perché una volta che lo Spirito Santo disfa quello che hai fatto, restituisce a te i residui benedetti e quindi continua la creazione.

Ciò che è veramente benedetto è incapace di sentire colpa e può produrre solo la felicità.

Questo lo rende invulnerabile all'ego perché la sua pace è inattaccabile.

Quello che è veramente benedetto è incapace di essere alterato a causa della pienezza di cui gode.

La colpa altera sempre. 

Tutto ciò che crea paura produce dissenso, perché obbedisce alle leggi della divisione.

Se l'ego è il simbolo della separazione è anche il simbolo della colpa, allora la colpa è qualcosa di estraneo a Dio.

E 'il simbolo dell'attacco contro Dio.

Questo concetto non ha alcun significato, tranne per l'ego, ma non sottovalutare il potere che l'ego dà a questo, credendo in esso.

Questa è la convinzione da dove proviene ogni colpevolezza.
3. L'ego è la parte della mente che crede nella divisione. 

Come può essere possibile che una parte di Dio potesse separarsi da Egli senza credere che lo sta attaccando?

Abbiamo già discusso il problema dell'autorità e ho detto che si basa sul concetto che è possibile usurpare il potere di Dio.

L'ego è convinto di quello che hai fatto, perché pensa che tu sei lui.

Se ti identifichi con l'ego, non potrai che percepire te stesso come colpevole.

Ogni volta che ascolterai l'ego sperimenterai il senso di colpa e il timore di essere punito.

L'ego è letteralmente un pensiero spaventoso.

Non importa quanto sia ridicolo per una mente sana l'idea di attaccare Dio, non dimenticare mai che l'ego è pazzo. 

Rappresenta un concetto illusorio e parla a suo proprio nome.

Ascoltare la voce dell'ego significa che pensi che è possibile attaccare Dio e che hai strappato una parte di Egli e che sei diventato padrone di essa. 

Da qui viene la paura di rappresaglie esterne, perché la colpa è così intensa che dev'essere proiettata.
4. Tutto ciò che accetti nella tua mente diventa reale per te.

Ed è la tua accettazione quella che dà la realtà esso.

Permettere l'ingresso all'ego nella tua mente è metterlo sul trono, e questo è ciò che rende la sua propria realtà.

Questo perché la mente è in grado di creare realtà o fabbricare illusioni. 

Ho detto in precedenza che devi imparare a pensare con Dio. 

Pensare con Egli è pensare come Egli e questo è ciò che produce gioia e nessun senso di colpa perché è naturale.

La colpa è un segno sicuro che il tuo pensiero non è naturale. 

Il pensiero che non è naturale è sempre accompagnato dal senso di colpa, perché è la credenza nel peccato. 

L'ego non percepisce il peccato come una mancanza di amore, ma come un atto determinato di aggressione.

Questo è necessario per la sopravvivenza perché non appena consideri che il peccato è un fallimento, automaticamente cercherai di porre rimedio alla situazione. 

E lo farai. Per l'ego questo è la rovina, ma tu devi imparare a vederlo come la tua emancipazione. Un corso di miracoli.


Grazie bellissimo essere per essere presente nella mia vita e per leggere i miei post. Pioggia di benedizioni e abbondanza. Ti amo. Tu sei me e io sono te. Namastè. GoogleTutti post del corso di miracoli.